skip to Main Content

Tra le forme di spettacolo dal vivo, l’opera è senza dubbio una delle più rappresentate e gli autori più quotati sono Giuseppe Verdi, con 16.265 recite nelle stagioni che vanno dal 2011/12 al 2015/16, W. A. Mozart, con 11.876 rappresentazioni e Giacomo Puccini con 11.494 nello stesso periodo di riferimento.
Con un un divario decisamente notevole troviamo poi Rossini, Wagner e Donizetti, con circa 5.000 rappresentazioni ciascuno. Nella Stagione 2015-2016 ci sono stati, nel mondo, più di 22.700 spettacoli operistici.

Secondo Operabase, sito che permette di conoscere nel dettaglio i cartelloni di teatri e festival e di calcolare il numero di rappresentazioni, nella stagione lirica 2015-2016 (l’ultima per la quale sono disponibili i dati), l’opera più rappresentata al mondo è stata La Traviata di Giuseppe Verdi con 4.190 spettacoli, seguita da Il flauto magico di Mozart (al secondo posto con 3.310 spettacoli) e Carmen di Bizet (terzo posto con 3.280 spettacoli).

Ma quali sono le opere italiane più rappresentate?

Al primo posto si conferma La Traviata di Giuseppe Verdi, seguita da La Boheme e Tosca di Giacomo Puccini, che totalizzano rispettivamente 3.131 e 3.694 rappresentazioni nei vari teatri.
La classifica continua e al quarto posto troviamo ancora Puccini con Madama Butterfly, che totalizza 3.131 spettacoli, seguita da Il Barbiere di Siviglia di Rossini con 2.549 spettacoli e per finire, al sesto posto, di nuovo Verdi con Rigoletto, 2.285 recite ca. all’anno.

Queste opere pullulano di arie e duetti famosi che tutti almeno una volta abbiamo sentito se non a teatro, certamente in film, pubblicità, eventi. Ne La Boheme possiamo trovare, ad esempio, Che gelida manina e ne La Traviata Libiamo nelieti calici, celebre brindisi conosciuto anche da chi non frequenta l’opera. Come non pensare, poi, a La donna è mobile di Rigoletto, E lucevan le stelle di Tosca e tanti altri momenti musicali per cui siamo e saremo sempre conosciuti in tutto il mondo perché l’opera è un genere senza tempo, nostro patrimonio nazionale che dobbiamo difendere con orgoglio.


Nella foto “La Bohème” al Metropolitan Opera House nella celebre allestimento di Franco Zeffirelli

Back To Top